venerdì 30 marzo 2012

POLPETTONE LEGGERO E RADICCHIO TARDIVO

Ma come farà un polpettone ad essere leggero, visto che nel nostro linguaggio comune il termine "polpettone" stà ad indicare un qualcosa di pesante? Dopo aver provato ben sei ricette di polpettoni ho trovato quella che secondo me è la perfezione. Risulta un polpettone morbido, non troppo asciutto gustoso ma non pesante. Provare per credere. Lo posto ora perchè potrebbe essere utile ad un qualcuno visto le feste imminenti. Con questa ricetta partecipo al contest di Le padelle fan fracasso



POLPETTONE E RADICCHIO TARDIVO




INGREDIENTI:
  • 500 g di macinato di suino/bovino
  • 2 uova
  • 50 g di parmigiano
  • 3 fette di pane in cassetta o pane raffermo
  • latte q.b.
  • 50 g di Parmigiano-Reggiano grattugiato
  • 80 g di prosciutto cotto a fette
  • 100 g di scamorza a fette
  • 100 g di speck a fette
  • 1 cucchiaio di prezzemolo tritato
  • sale e pepe
  • 2 caspi di radicchio tardivo
  • olio q.b.
  • 2 rametti di rosmarino
PROCEDIMENTO: mettere il pane in una ciotola e versarvi il latte fino a coprirlo. Lasciare in ammollo per 10 minuti. Strizzare il pane ma non eccessivamente. Aggiungere al pane strizzato il macinato, le uova, il Parmigiano, il prezzemolo, salare e pepare. Mescolare il tutto fino ad ottenere un composto omogeneo. Stendere il composto con l'aiuto di un cucchiaio su un foglio di carta forno. Farcire con il prosciutto cotto a fette e poi con la scamorza. Arrotolare il tutto aiutandosi con la carta forno. Una volta ottenuto un cilindro abbastanza grosso, stendervi al di sopra le fette di speck in modo che avvolgano il polpettone, quando sarà cotto lo speck diverrà la crosta del nostro polpettone. Chiudere il tutto con la carta forno, stringendo per bene e creando una caramella. Mettere un foglio di carta forno su una teglia ed appoggiarvi sopra il polpettone avvolto. Io metto un altro foglio anche sulla teglia perchè un po' di sughino dalla caramella esce sempre, così facilito la pulizia della teglia. Prendere un'altra teglia e disporvi le foglie di radicchio, aggiungere qualche rametto di rosmarino e un po' di olio a filo. Infornare le due teglie in forno ventilato per 35 minuti a 170°C.






giovedì 29 marzo 2012

TARTUFINI

Ok, lo ammetto sono una cookbooks victim. Il primo passo per lasciare perdere una dipendenza dicono sia ammetterlo, quindi sono a buon punto. In questo periodo ho acquistato ben 6 libri di cucina e non sò neanche se avrò il tempo di guardarli...... oltretutto di questi, due sono in inglese e uno in francese quindi dovrò superare anche la difficoltà di tradurre le ricette. Chi ama come me i libri di cucina non mi crederà poi così tanto pazza. Comunque tra un po' inserirò i volumi acquistati nella pagina del blog "libri di cucina" e, tempo libero permettendo, stenderò delle recensioni e pubblicherò le ricette migliori. La ricetta di oggi l'ho presa da uno dei libri che mi ha appassionato maggiormente cioè "La piccola pasticceria salata" di Luca Montersino. Ho provato già un bel po' di ricette e devo dire che riescono tutte e gli abbinamenti tra gli ingredienti scelti sono perfetti. Ecco quindi la ricetta dei tartufini con alcune mie variazioni.


TARTUFINI



INGREDIENTI (per 24 tartufini):
per la base per tartufi:
·        95 g di formaggio philadelphia
·        50 g di formaggio tipo robiola
·        45 g di mascarpone
·        70 g di burro morbido
·        Sale e pepe q.b.
Per i tartufi cacio e pepe:
·        50 g di base per tartufi
·        10 g di formaggio caciocavallo grattugiato fine
·        10 g di Parmigiano-Reggiano grattugiato
·        Pepe
·        30 g di nocciole in granella
Per i tartufi affumicati:
·        50 g di base per tartufi
·        10 g di Parmigiano-Reggiano grattugiato
·        20 g di salmone affumicato tritato
·        2 g di erba cipollina tritata
·        30 g di semi di papavero
Per i tartufi alle erbe:
·        50 g di base per tartufi
·        40 g di Parmigiano-Reggiano grattugiato
·        2 g di erbe aromatiche
Per i tartufi al prosciutto crudo:
·        50 g di base per tartufi
·        10 g di Parmigiano-Reggiano grattugiato
·        20 g di prosciutto crudo tritato
·        30 g di pistacchi in granella
Per  la glassa bianca:
·        125 g di panna fresca
·        25 g di vino bianco
·        12 g di burro morbido
·        12 g di scalogni tritati
·        15 g di latte intero
·        2 g di fecola
·        1 foglio e ½ di colla di pesce
·        Chiodi di garofano q.b.
·        Noce moscata q.b.
·        Sale e pepe
PROCEDIMENTO: mescolare con una frusta gli ingredienti per la base per tartufi fino ad ottenere un composto liscio ed omogeneo. Fare riposare in frigorifero fino al momento dell’utilizzo. Preparare la glassa bianca mettendo in un tegame il burro e gli scalogni. Aggiungere i chiodi di garofano ed il vino. Lasciare ridurre quasi completamente il vino. Aggiungere la panna e portare a bollore. Aggiungere la fecola stemperata nel latte freddo e unire la colla di pesce ammollata e strizzata. Filtrare il tutto e conservare in frigorifero fino al momento dell’utilizzo. Quando la si vuole utilizzare scaldare un po’ per farla tornare un po’ liquida. Per i tartufi cacio e pepe mescolare tutti gli ingredienti tranne le nocciole e con dei guanti creare delle palline. Disporre le palline su un vassoio e metterle in congelatore almeno 2 ore. Per i tartufi affumicati mescolare tutti gli ingredienti tranne i semi di papavero e con dei guanti creare delle palline. Disporre le palline su un vassoio e metterle in congelatore almeno 2 ore. Per i tartufi alle erbe mescolare tutti gli ingredienti tranne 30 g di Parmigiano-Reggiano e con dei guanti creare delle palline. Disporre le palline su un vassoio e metterle in congelatore almeno 2 ore. Per i tartufi al prosciutto crudo mescolare tutti gli ingredienti tranne la granella di pistacchi e con dei guanti creare delle palline. Disporre le palline su un vassoio e metterle in congelatore per almeno 2 ore. Passare le palline al cacio e pepe prima nella glassa bianca e poi nella granella di nocciole e metterle nei pirottini. Passare le palline affumicate prima nella glassa bianca e poi nei semi di papavero e metterle nei pirottini. Passare le palline alle erbe aromatiche prima nella glassa bianca e poi nel formaggio grattugiato e metterle nei pirottini. Passare le palline al prosciutto crudo prima nella glassa bianca e poi nella granella di pistacchi. Mettere in congelatore e tirare fuori 30 minuti prima del consumo.



Con questa ricetta partecipo al contest del blog Rossolampone e del blog "La scimmia cruda".


martedì 27 marzo 2012

TARTE TATIN AI CARCIOFI

Ciao a tutti, sabato ho trovato al mercato dei bellissimi carciofi romaneschi. Il percorso dei miei pensieri è stato: "Come li cucino? Ecco ho un'idea! E' da un po' che voglio provare a fare la tarte tatin..... bene farò una tarte tatin salata".

INGREDIENTI (per 4 persone):
  • 250 g di farina OO
  • 150 g di burro
  • sale
  • acqua ghiacciata q.b.
  • 4 carciofi romaneschi
  • 1 scalogno
  • 80 g di prosciutto crudo
  • parmigiano reggiano
  • pepe
  • 2 cucchiai di olio evo
PROCEDIMENTO: mescolare la farina con il burro a pezzetti. Aggiungere un pizzico di sale e dell'acqua ghiacciata fino ad avere un composto omogeneo. Lasciare riposare l'impasto in frigorifero per un'ora. Pulire i carciofi e dividere ognuno in 4 parti. Fare saltare i carciofi in una padella con l'olio e lo scalogno tritato. Salare leggermente e pepare. Aggiungere un cucchiaio d'acqua e  cuocere coperti per 10 minuti. Togliere il coperchio e lasciare andare finchè non evapora tutta l'acqua. Rivestire il fondo di una tortiera con carta forno. Disporre i carciofi a raggiera, coprire con il prosciutto crudo e stendervi al di sopra la pasta briseè. La pasta deve rientrare lungo tutti i bordi della tortiera. Bucherellare la pasta con una forchetta. Infornare a 200°C in forno ventilato per 25 minuti circa. Spolverare di parmigiano.


lunedì 26 marzo 2012

VELLUTATA DI PORRI E PATATE

Buonasera a tutti. Raramente mi cimento a fare vellutate o zuppe in quanto mio marito non le adora e quando se le trova davanti esordisce con un bel: " bene mi taglio delle fette di salame". La vellutata che ho cucinato stasera per cena ha però un piccolo trucco, l'aggiunta di pancetta croccante, ed infatti è stata spazzolata ed il salame è ancora integro.

Vellutata di porri e patate


INGREDIENTI (per 4 persone):
  • 3 porri
  • 3 patate medie
  • 700 ml di brodo vegetale
  • 50 g di farina
  • 200 ml di latte 
  • 40 g di parmigiano grattugiato
  • 1 fetta spessa circa 4 mm di pancetta
  • 1 spicchio d'aglio
  • 2 cucchiai di olio evo
  • 1 rametto di rosmarino
  • sale
  • pepe
PROCEDIMENTO: pulire i porri e tagliarli a rondelle. Pelare le patate e tagliarle a dadini. Mettere in un tegame l'olio, lo spicchio d'aglio ed il rosmarino. Aggiungere i porri e le patate. Fare stufare il tutto per 5 minuti e poi aggiungere il brodo vegetale. Quando le patate sono cotte, togliere il rosmarino e frullare il tutto con il minipimer. Mettere il composto in un pentolino ed aggiungere la farina, il latte, il parmigiano ed il sale. Lasciare rapprendere in base al gusto personale. In una padella rosolare la pancetta tagliata a listarelle fino a renderla croccante. Versare la vellutata in una ciotola ed aggiungervi al centro le listarelle di pancetta. Spolverare con il pepe e servire. 


FOCACCIA AL ROSMARINO SOFFICE SOFFICE

Buonasera a tutti. Oggi è stata una giornata veramente faticosa ma appagante. Il mio piccolo giardino è tornato un po' in ordine; prato tagliato, erbacce estirpate e qualche fiorellino nuovo che gli fa' capolino. Inoltre il mio orticello, se si possono chiamare orto 10 mq coltivati, è tornato produttivo dopo l'abbandono invernale. Che soddisfazione! Stasera posto una ricetta che mi ha regalato una mia amica bravissima in cucina e anche lei amante delle piante e ancor più degli animali.

Focaccia al rosmarino soffice soffice


INGREDIENTI:
  • 350  g di farina O
  • 50 g di burro
  • 15 g di lievito di birra
  • 3 cucchiai di olio evo
  • 2 cucchiaini di zucchero
  • 7 g di sale 
  • 1 rametto di rosmarino
  • 1 patata lessa
  • acqua tiepida q.b.
PROCEDIMENTO: in una ciotola metter il lievito di birra a pezzetti con due cucchiaini di zucchero e un po' di acqua tiepida, quel tanto da coprire il lievito. Aspettare che si formi una schiuma in superficie e versarvi tutta in un colpo la farina. Aggiungere la patata schiacciata, il burro fuso, 2 cucchiai di olio e 5 g di sale. Mescolare per bene il tutto. Infine aggiungere un po' di acqua tiepida fino ad avere un impasto morbido ed elastico. Lasciare lievitare l'impasto coperto fino al raddoppio del suo volume. Stendere su una teglia e lasciare lievitare 1 ora. Creare la salamoia mescolando 1 cucchiaio di olio, 2 di acqua e 2 g di sale. Spennellare la superficie della focaccia con la salamoia. Fare a pezzetti piccoli il rosmarino e cospargervi la focaccia. Infornare in forno caldo a 200°C per circa 25 minuti. La focaccia rimane soffice anche per 3 giorni.



giovedì 22 marzo 2012

SFORMATO DI PORRI, PATATE E RICOTTA

Ciao a tutti, questa sera ricettina di recupero. Se non smetto di dare passati di patate al mio bimbo credo che prima o poi germoglierà e quindi dovendo trovare un modo per recuperare le patate del brodino vegetale di Lorenzo mi sono inventata questa ricettina. Lo sformato è stato totalmente spazzolato da me e da mio marito con qualche piccolo assaggio del mio bambino a cui è piaciuto parecchio. Con questa ricetta partecipo al contesto di Max.



SFORMATO DI PORRI, PATATE E RICOTTA


INGREDIENTI:
  • 1 porro
  • 3 patate medie lesse
  • 150 g di ricotta
  • 2 uova
  • sale
  • pepe
  • pangrattato q.b.
  • una mozzarella
  • burro q.b.
PREPARAZIONE: in una ciotola mettere le patate lesse schiacciate con lo schiacciapatate ed aggiungerci la ricotta, le uova, il sale ed il pepe e mescolare il tutto. Prendere un tegame in coccio, imburrarlo e spolverarlo con il pangrattato. Tagliare il porro a rondelle e ricoprire il fondo del coccio. Versare sopra il porro metà del composto di patate e fare come una conca al centro dove metterete la mozzarella a fettine. Ricoprire con il restante composto di patate. Spolverare di pangrattato e finire con qualche fiocchetto di burro. Mettere in forno caldo a 220°C per 25 minuti finchè non si forma una crosticina dorata. 



mercoledì 21 marzo 2012

DEEP CROSTATA DI RICOTTA, CIOCCOLATO E PERE

Da ben due settimane cerco di mettermi a dieta visto che tutti in questo periodo sembrano esserlo. Come si fa' a mettersi a dieta quando si ha un blog di cucina e quando si passano due ore ogni giorno a visionare le più belle ricette del web? Mah! Bravo chi ci riesce! Per rimanere in tema ecco una ricettina golosissima con la quale partecipo al contest di Donatella e Assunta nella categoria dolci.



DEEP CROSTATA DI RICOTTA, CIOCCOLATO E PERE


INGREDIENTI:
per la pasta frolla (circa 400 g):
  • 250 g di farina OO
  • 150 g di burro
  • 100 g di zucchero a velo
  • 40 g di tuorli (circa 2)
  • 1 bacca di vaniglia bourbon
  • un pizzico di sale
  • buccia di limone q.b.
per il ripieno:
  • 400 g di ricotta di pecora
  • 150 g di cioccolato fondente
  • 100 ml di panna fresca
  • 30 g di burro
  • pangrattato circa 2 cucchiai
  • 2 cucchiai di fecola
  • 2 uova
  • 100 g di zucchero semolato
  • 1 pera
per gli streussel:
  • 60 g di zucchero a velo
  • 60 g di marzapane
  • 120 g di burro
  • 160 g di farina OO
  • 3 g di lievito chimico
per la finitura:
  • 100 g di gelatina neutra
  • zucchero a velo q.b.
PROCEDIMENTO: mettere tutti gli ingredienti per la pasta frolla nella planetaria e creare un impasto liscio. Lasciare riposare in frigorifero per 30 minuti. Per il ripieno scaldare la panna con il burro e versarvi il cioccolato grattugiato e mescolare per creare un composto liscio. Mettere il composto a bagnomaria in acqua e ghiaccio e montare con le fruste, deve risultare un composto non troppo solido. Montare le uova con lo zucchero, aggiungere la fecola, poi la ricotta ed il composto di cioccolato. Per gli streussel, mettere nella ciotola della planetaria lo zucchero a velo ed il marzapane e lasciare andare, poi aggiungere il burro ed infine la farina ed il lievito setacciati. Lasciare riposare il composto in frigorifero per 30 minuti. Prendere un tortiera di diametro 24 cm, imburrarla e ricoprire il fondo con carta forno. Imburrare leggermente la carta forno. Tirare la pasta frolla e ricavarne un cerchio che andrà sul fondo della tortiera. Ricavare poi un rettangolo lungo che servirà a ricoprire i bordi della tortiera. Bucherellare il fondo una forchetta. Cospargere di pangrattato che servirà per assorbire i liquidi che rilascia in cottura la pera. Versare una parte del composto di ricotta. Formare una raggiera con la pera pelata e tagliata a spicchi. Ricoprire con il restante composto. Prelevare dal frigorifero il composto per gli streussel e con uno schiacciapatate fare dei vermicelli non molto lunghi che andranno a ricoprire la crostata. Infornare a 200°C per 35 minuti. Se colora troppo ricoprire con carta alluminio. Una volta cotta prelevare dal forno e lasciare raffreddare completamente. Gelatinare la crostata e cospargerla di zucchero a velo.



lunedì 19 marzo 2012

CASSATINE SICILIANE SALATE

Serata tranquilla. Mio marito ed il mio bimbo dormono mentre io mi do' da fare in cucina. Che piacere cucinare! E' il dopo che mi spaventa sempre. Pulire, lavare..... santa lavastoviglie resta sempre con me e non mi lasciare mai. Posto la ricetta delle cassatine siciliane di Luca Montersino naturalmente con molte mie variazioni e semplificazioni, per riuscire a farle anche con i prodotti che si trovano comunemente al supermercato.

CASSATINE DI RICOTTA





INGREDIENTI (per 12 cassatine):
Per il ripieno:
·        120 g di panna fresca
·        70 g di burro
·        300 g di ricotta di pecora
·        50 g di piselli fini
·        1 carota a dadini
·        5 g di gelatina in fogli
·        Sale
·        Pepe
Per la base di biscotto:
·        70 g di tuorli
·        50 g di uova intere
·        1 cucchiaio di zucchero
·        100 g di albumi
·        1 cucchiaio di zucchero
·        35 g di Parmigiano Reggiano grattuggiato
·        100 g di farina di mandorle
·        35 g di farina OO
·        17 g di fecola di patate
·        5 g di latte intero in polvere
·        40 g di burro
·        3 g di sale
Per la glassa bianca:
·        250 g di panna fresca
·        50 g di vino bianco
·        25 g di burro
·        25 g di scalogni
·        25 g di latte intero fresco
·        3 g di fecola di patate
·        8 g di colla di pesce
·        2-3 chiodi di garofano
·        Un pizzico di noce moscata
·        Sale
·        Pepe
Per la decorazione:
·        20 g di granella di pistacchi
·        1 carota
·        2 ravanelli

PROCEDIMENTO: per prima cosa fare la base di biscotto. Quindi montare in planetaria i tuorli con un cucchiaio di zucchero. Montare gli albumi al 70% con l’altro cucchiaio di zucchero. Mescolare i due composti ed aggiungervi le polveri. Alla fine incorporare il burro fuso. Mettere l’impasto su una teglia foderata di carta forno stendendolo all’altezza di mezzo centimetro. Infornare a forno già caldo a 240°C per 10 minuti. Per il ripieno: scaldare la panna senza farla bollire, aggiungere il burro, la ricotta e i fogli di gelatina ammollati nell’acqua e strizzati. Passare il tutto con il mixer. Trasferire il composto in frigorifero per 3 ore. Lessare per 5 minuti i piselli e le carote tagliate a dadini e scolare. Mescolare con una frusta le verdure al composto di ricotta. Per fare le cassatine io ho usato uno stampo da muffin ricoperto con pellicola alimentare e su ogni foro ho messo un po’ di composto, ma se avete gli stampini appositi meglio ancora. Infine ho poggiato sopra un dischetto di biscotto. Lasciare rapprendere il tutto per mezz’ora in frigorifero. Sformare le cassatine ed adagiarle su una griglia. Preparare la glassa bianca mettendo in un pentolino gli scalogni a dadini ed il burro. Aggiungere i chiodi di garofano ed il vino bianco e lasciare andare fino a farlo ridurre completamente. Aggiungere la panna, salare, pepare ed insaporire con la noce moscata. Legare il tutto con la fecola di patate sciolta nel latte ed unire la colla di pesce ammollata e strizzata. Filtrare la glassa. Versare la glassa sulle cassatine. Passare i bordi con la granella di pistacchi e decorare con dei filetti di carota e dei bastoncini di ravanello.


Con questa ricetta partecipo al contest di Donatella e Assunta. Che emozione il primo contest a cui partecipo.






domenica 18 marzo 2012

FILETTO DI MAIALE CON MELE E PROVOLA

Cosa faccio per pranzo oggi? Quante volte ce lo chiediamo? Se poi è domenica o un giorno di festa particolare vogliamo sfoggiare una ricetta che almeno a prima vista sembri un po' complicata in modo da stupire i nostri commensali. Ecco una ricetta per la domenica semplice ma ad effetto.


INGREDIENTI (per 4 persone):
  • filetto di maiale circa 400 g
  • 1 mela golden
  • 4 fette di provola dolce
  • 30 g di burro
  • 1 rametto di salvia
  • sale
  • pepe
  • 100 g di prosciutto crudo San Daniele
  • 1/2 bicchiere di vino rosso
  • 1 bicchiere di brodo vegetale.
PREPARAZIONE: togliere il grasso in eccesso dal filetto. Fare un taglio trasversale ed aprirlo a libro. Se troppo spesso, batterlo un po'. Salare e pepare da tutti i lati. Tagliare a fette la mela con la buccia, togliendo il torsolo. Stendere sul piano di lavoro il prosciutto crudo. Mettere sopra il prosciutto il filetto aperto. Farcire l'interno del filetto con le fette di provola e le fette di mela. Arrotolare il tutto, legare il filetto e metterlo a rosolare con il burro e la salvia in un tegame. Dopo averlo fatto rosolare da tutte le parti, sfumare con il vino versandolo ai lati del tegame e non direttamente sulla carne. Quando non si sente più il profumo del vino, versare il brodo e lasciare cuocere per 15 minuti coperto. Aspettare che si raffreddi un po', togliere lo spago, tagliare a fette e servirlo con il suo sugo dopo averlo fatto restringere.


RISOTTO CON CREMA DI ASPARAGI

Ricetta con prodotti di stagione, semplice anche se non molto veloce.


INGREDIENTI (per 4 persone):
  • 1 cucchiaio di prezzemolo tritato
  • 2 cucchiai di olio d'oliva
  • 1 cipolla rossa
  • 2 cucchiai di ricotta
  • 1 mazzetto di asparagi bianchi circa 250 g
  • 240 g di riso carnaroli
  • sale
  • pepe
  • 1/2 litro di brodo vegetale
PREPARAZIONE: lavate gli asparagi, togliete la parte finale del gambo e pareggiateli. Raschiare con un pelapatate la parte più dura dell'asparago e legarli assieme con un elastico. Metterli a lessare in acqua bollente  salata in un pentolino alto e stretto per 20 minuti lasciando fuori dall'acqua solo le punte. Tagliare le punte e metterle da parte. Fare a piccoli pezzi i gambi e metterli in una padella con un po' di olio e mezza cipolla, bagnare con mezzo mestolo di brodo, quando il brodo si sarà consumato, aggiungere la ricotta e frullare il tutto. In un tegame mettere un po' di olio e l'altra mezza cipolla. Fare tostare il riso, aggiungere pian piano il brodo e quando è cotto mantecare con la crema di asparagi ed aggiungere le punte tenute da parte. Servire spolverando con parmigiano e prezzemolo.


giovedì 15 marzo 2012

INVOLTINI CON PANCETTA E PRUGNE

Molti blog di cucina criticano Benedetta Parodi e le sue ricette! Io trovo che alcune di esse siano in realtà molto buone. Non amo cucinare usando paste pronte come lei spesso propone, a mio parere una ricetta la si deve fare dalla A alla Z altrimenti non puoi dire "mi è venuta bene"  perché una parte di essa non ti appartiene. Tutto questo per postare una ricetta buona,semplice e veloce che ho trovato nel libro di Benedetta.



INGREDIENTI (PER 4 PERSONE)

  • 8 fette di lonza di maiale
  • 16 prugne secche
  • 1 etto e 1/2 di pancetta
  • farina q.b.
  • sale
  • pepe
  • olio evo
  • un rametto di salvia
  • vino rosso per sfumare 
PREPARAZIONE: appiattire le fette di lonza con il batticarne. Dividerle a metà per la lunghezza, salarle e farcirle con una fetta di pancetta e una prugna. Arrotolare e mettere uno stuzzicadenti per fermare il tutto. Passare gli involtini nella farina togliendo quella in eccesso. In una padella mettere poco più di un cucchiaio di olio e una rametto di salvia. Adagiare nella padella gli involtini e farli rosolare da tutte le parti. Sfumare con il vino e cuocere per 5 minuti coperti. In fine dare una spolverata di pepe.

martedì 13 marzo 2012

CONIGLIO ARROSTO CON PATATE

Da piccola non mangiavo il coniglio. Mia nonna li allevava e quando li vedevo nelle loro gabbiette sognavo di essere Alice nel paese delle meraviglie ( quanta fantasia possono avere i bambini). Bianchissimi con i loro occhietti azzurri, l'unica cosa che volevo era accarezzarli ma mia mamma mi faceva ritirare la manina spaventata dicendomi "Guarda che ti mordono". Poi arrivava il pranzo e mia nonna esordiva con un "Oggi ho fatto il coniglio arrosto".... non avrei mai pensato all'età di venticinque anni di assaggiarlo per la prima volta e dire "Che buono il coniglio arrosto". La ricetta è naturalmente di mia nonna.


INGREDIENTI:
·        1 coniglio a pezzi
·        1 spicchio d’aglio
·        1 cucchiaio di aceto di vino o di mele
·        1 rametto di salvia
·        1 rametto di rosmarino
·        ¼ di limone a pezzetti
·        1/2 bicchiere di vino bianco
·        1 cucchiaio d’olio
·        Sale
·        Pepe
·        ½ bicchiere d’acqua
·        2 patate medie

PROCEDIMENTO: lasciare il coniglio in acqua e aceto per una notte. Metterlo in un tegame con l’olio e rosolarlo da tutte le parti. Aggiungere l’aglio schiacciato, il rosmarino, la salvia, il limone ed il vino bianco. Per aggiungere il vino spostare da un lato del tegame i pezzi del coniglio e versare il vino direttamente sul fondo in modo che quando il vino raggiunge il coniglio ha già una temperatura elevata. Fare evaporare il vino, salare, pepare aggiungere le patate pelate e tagliate a dadoni e  l’acqua. Dopo 20 minuti mettere il tutto in forno a 200°  per 15 minuti. Filtrare il sugo con un colino e lasciarlo ridurre in un pentolino. Servire il coniglio con un po’ di sughino e le patate.

TIRAMISU' DI PAN DI STELLE

Il tiramisù delizia per il palato e cruccio per la bilancia. La ricetta che propongo l'ho trovata su cookaround ed è più leggera della versione tradizionale in quanto non c'è il mascarpone. Che donna di poche parole sono... in realtà voglio pubblicare un bel po' di ricette questa sera...



INGREDIENTI:
·        250 ml di panna fresca
·        1 confezione di biscotti pan di stelle
·        2 ricottine
·        2 uova
·        5 cucchiai di cacao amaro
·        7 cucchiai di zucchero a velo
·        2 tazzine di caffè
·        1 cucchiaio di latte

PROCEDIMENTO: dividere i tuorli dagli albumi. Montare i tuorli con 4 cucchiai di zucchero a velo ed aggiungervi le ricottine. Montare a neve gli albumi ed aggiungerne metà al composto. Montare  la panna ed aggiungervi 4 cucchiai di cacao e 3 di zucchero a velo. Fare il caffè e mescolarlo con il latte. Creare il dolce. Io ho fatto delle monoporzioni ma naturalmente si può fare benissimo una teglia con quanti strati si vuole. Bagnare leggermente i biscotti nel caffè e fare un primo strato. Fare uno strato di panna, poi un altro di biscotti bagnati nel caffè ed ultimare con la crema di ricotta. Spolverare con un po’ di cacao e decorare a piacere.

domenica 11 marzo 2012

TIGELLE


Ogni lunedì sera per 2 mesi di fila ho cucinato le tigelle! Con la panna, senza panna. Con lo strutto, con l'olio. Con il lievito istantaneo, con il lievito di birra. Ho provato credo una ventina di ricette prima di trovare quella secondo me giusta cioè che più si avvicina come gusto alle tigelle di Comellini, un negozio di alimentari di Castel San Pietro che produce delle tigelle eccezionali. Spero che un qualcuno le provi e mi dia un parere....






INGREDIENTI:
·        600 g di farina O
·        25 g di lievito di birra
·        50 g di strutto
·        200 g di panna da cucina UHT
·        Sale
·        mezzo bicchiere di acqua tiepida
·        un cucchiaino di zucchero

PREPARAZIONE: sciogliere in una ciotola il lievito di birra con lo zucchero e l’acqua tiepida. Aggiungere la farina ed il lievito setacciati e poi lo strutto ed il sale. Mescolare per bene ed infine aggiungere la panna. Continuare a lavorare finché non risulta un impasto morbido. Lasciare riposare coperto fino al raddoppio del volume. Stendere la pasta dello spessore di 4-5 mm e ricavare dei dischi.  Lasciare riposare le tigelle coperte da un canovaccio fino al loro raddoppio in volume. Cuocerle con il testo. Servire con mortadella e squacquerone o lardo tritato finemente con parmigiano.

CANTUCCI AL CIOCCOLATO BIANCO E FRAGOLE



CANTUCCI AL CIOCCOLATO BIANCO E FRAGOLE (di Anna Moroni)



INGREDIENTI:
·        300 g di farina OO
·         200 g di zucchero
·        3 uova
·        120 g di cioccolato bianco
·        80 g di fragole essiccate
·        ½ bustina di lievito
·         1 uovo
·        sale

PREPARAZIONE: nel mixer mettere 3 uova e lo zucchero e miscelare il tutto. Aggiungere la farina ed il lievito setacciati assieme e poi il sale. Infine mescolare il composto con il cioccolato bianco grattuggiato. Disporre l’impasto sul piano di lavoro e aiutandosi con la farina aggiungere le fragole. Creare 3 filoni e disporli su una teglia con carta forno. Pennellare con l’uovo sbattuto ed infornare a 180° in forno ventilato per 20 minuti. Tirare fuori dal forno i filoni e aspettare 10 minuti che si raffreddino un pochino. Tagliare i filoni creando i cantucci e disporli su una teglia. Infornare a 180° per 5 minuti . Da servire con un buon thè o una tisana ai frutti di bosco.









CROISSANT SFOGLIATI



CROISSANT SFOGLIATI (di Luca Montersino con variazioni)



        INGREDIENTI:
per il lievitino:
  • 115 g di acqua
  •  250 g di farina (io ho usato la manitoba)
  •  35 g di lievito di birra
per l’impasto: 
  • 500 g di farina OO
  • 150 g di zucchero
  • 20 g di malto o miele
  • 75 g di burro
  • 225 g di uova intere
  • 150 g di latte fresco intero
  • 15 g di sale
per le pieghe:
  •  375 g di burro


PROCEDIMENTO: impastare il lievitino senza lavorarlo troppo, mettere la pasta in una ciotola con dell’acqua a temperatura ambiente e lasciare fermentare fino a quando la pasta sale a galla ( circa 10 minuti). Mettere il tutto  nell’impastatrice con 500 g di farina( a me ne sono serviti quasi 600), lo zucchero, il miele, le uova e il latte e impastare nuovamente, fino ad ottenere un composto liscio e omogeneo; a questo punto aggiungere il burro e il sale e riporre la pasta per 10-12 ore in frigorifero. Trascorso il tempo stendere la pasta in un foglio rettangolare spesso circa 2 cm e disporre il burro destinato alle pieghe,  precedentemente lasciato a temperatura ambiente e steso tra due fogli di carta forno, sopra l’impasto. Piegare in tre parti, lasciare riposare per 30 minuti in frigorifero, poi stendere e piegare di nuovo in tre.  Trascorsi altri venti minuti di riposo al freddo,  procedere con l’ultima piega a tre.  Fare riposare bene l’impasto in frigorifero, quindi stenderlo allo spessore di 3 mm. Ricavare dei triangoli di pasta,  farcirli a piacere ( con la nutella sono eccezionali), e arrotolarli per dargli la classica forma del croissant. Disporli su due teglie rettangolari ricoperte di carta forno e lasciarli riposare coperti  fino al raddoppio di volume (circa 2 ore). Quindi spennellarli con un tuorlo sbattuto e un po’ di latte e infornarli a 180° per 15 minuti.